Copertine 10.jpg

AYLIN L’ONDINA - Vol.10 - "Ho’Oponopono, nessuna colpa!"

Raccolta di dieci fiabe emozionali

giordinolibri.jpg
macrolibrarsi.png

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO

AYLIN L’ONDINA - Vol.10 - "Ho’Oponopono, nessuna colpa!"

Composizione:

Fiaba emozionale.

Problemi che tratto in questo libro:

Senso di colpa: senso di colpa per essere al mondo.

Sentirsi responsabile del malessere dell’altro; credersi la causa dell’insuccesso e della malinconia di chi si ama, un genitore, un fratello…

Ipocondria; disistima; estrema timidezza, mancanza di amici, di contatto, chiusura all’altro.

Soluzioni a cui porta questo libro:

Conoscere HO’OPONOPONO, un mezzo efficacissimo per uscire dalla sofferenza.

Trovare una chiave per aprirsi al perdono verso se stessi (per non essersi amati) e l’altro.

Uscire dal senso di colpa generazionale e accendersi di fiducia.

Scoprire la leggerezza come mezzo risolutivo di situazioni difficili.

Dissolvere le credenze limitanti attraverso l’Amore. 

Amare la vita, aprirsi all’Amicizia, fidarsi.

Sentirsi meritevoli di Amore, riconoscimento e successo.

Posologia:

Da leggere autonomamente o attraverso la voce del genitore/adulto.

Attenzione:

Questo è l’episodio conclusivo della serie. Per la prima volta, Aylin agirà come essere umano e non come Ondina. Il messaggio è: una bambina aiuterà un’altra bambina per trasmettere l’idea del POSSIBILE, del fattibile. 

Aylin è un nuovo modello di super eroe, perché agisce con metodi praticabili da chiunque. Il suo modo di cambiare in meglio la realtà è una serie di esempi possibili da imitare per ottenere risultati concreti di cambiamento. 

Consigli dell’autrice:

in questa storia Aylin si svela raccontando il suo passato e diventa l’esempio vivente di come possiamo uscire dalla prigionia della sofferenza vissuta. Di come possiamo liberarci dal dolore usando i nostri talenti, mettendo in atto le nostre qualità innate.  

Surfare sulle onde della vita diventa una metafora di speranza e di enormi possibilità di riuscita per cambiare in meglio la propria realtà.