Guarire le relazioni

Aggiornamento: 1 feb 2021

At. n. 2

31 gennaio 2021

Ascolta il podcast dell'articolo :





Musica consigliata come sottofondo alla lettura:

https://www.youtube.com/watch?v=8_txIBCfX4o


Nel mio libro "IL BENE - viaggio oltre la sofferenza" c’è un pezzo particolarmente toccante per me.

Si trova alla fine del capitolo “Il Bene e la Morte”, quando la Morte parla in prima persona.

Eccolo.

"Ho visto la morte così da vicino da toccarla e le ho consegnato tra le braccia chi amavo.

La Morte… mi ha parlato, mi ha detto…

“Faccio parte della vita, sono fatta di cicli.

Non esisto come una fine perché nasco come profondo cambiamento.

Accettami.

Esisto e, mentre vivi, diventa cosciente che tutto, sul piano terrestre, può interrompersi improvvisamente e allora, di primo acchito, vivrai il distacco terribile da chi ho portato via. Un dolore che ti porterà immediatamente in un vuoto di transizione necessario a un passaggio fondamentale in cui ti metterai a nudo di fronte a te stesso e, allora, sentirai.

Avvertirai se è stato un rapporto di pienezza, o di mancanza.

Il primo ti abbrevierà la sofferenza fino a condurti alla pace rispetto a chi non c’è più solo fisicamente.

Vivrai momenti di nostalgia e tristezza che, se lascerai andare, diverranno la tua ricchezza più grande. Un patrimonio a cui potrai attingere ogni volta che sentirai il bisogno del Bene.

La dolcezza dell’Amore provato, vissuto e scambiato prevarrà e riempirà ogni sensazione di vuoto.

Ti sentirai completo perché avrai vissuto la verità, perché eri onesto con l’altro e con te stesso.

Se, invece, prevarrà la mancanza, non servirà a nulla il tuo dolore, la tua ostinazione e la tua rabbia contro di me o contro qualcun altro.

Attenzione, però, non ho portato via te! Tu sei ancora in vita!

Allora, guarisci le tue relazioni prima che sia troppo tardi perché vedi, nonostante io sia la Morte, arrivo allo stesso punto della Vita: riconosco l’Amore come unica fonte di felicità.

Se saprai riconoscerlo e viverlo senza paura e nella sua totalità, allora, quando arriverò per qualcuno che ami, nemmeno io potrò toglierti quella pienezza che avrai vissuto”.


La riflessione è profonda e densa di significato, la Morte ci dice che alla base della vita ci sono LE RELAZIONI e ci ricorda - come tutti i grandi Maestri - che l’Amore onesto, l’Amore non dettato dal bisogno ma l’Amore facile e spontaneo viaggia su frequenze altissime inviolabili alle bassezze umane, come le emozioni di reazione… rabbia, invidia, non accettazione per le scelte dell’altro...

La Morte porta in sé dei doni ed ecco il suo insegnamento più potente!


Seguilo, la Pace interiore scalzerà la sensazione di mancanza e lascerà affiorare in te tutto il Bene che meriti, forza suprema con cui ORA puoi GUARIRE LE TUE RELAZIONI.

Non attendere, fallo prima che sopraggiunga quell'ondata di cambiamento repentino a cui non pensi mai ma che esiste ed è possibile.

Cogli l’occasione.

È una sfida con te stesso.

Sì, sfida la tua caparbietà, la tua ostinazione, la tua presa di posizione e AGISCI.

Ciò che rimbalzerà in te per questo gesto di evoluzione sarà una ricchezza di inestimabile valore.


Anna Capurso










210 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti